Sono nata reggendo con una mano un libro e con l’altra una matita. Questo, naturalmente, nella versione poetica della cosa. In realtà, racconti molto più attendibili narrano di una bimba poco dedita al sonno che si addormentava dolcemente se cullata dalle fiabe (e dai dischi dei Pink...

Una volta ricevevo un sacco di lettere. Le conservo ancora tutte, perfettamente in ordine in un cassetto del comodino nella cameretta a casa dei miei. Provo un'infinita nostalgia. Nostalgia di quei giorni in cui aspettavo col naso incollato al vetro della finestra l'arrivo del postino. Nostalgia dell'emozione...

Provare, non riuscire e arrendersi. Quante volte capita? Magari non ce ne rendiamo conto subito, perché non è facile da sopportare, perché la sensazione di sentirsi falliti, incapaci, è lì alle porte. Molto meglio non ricascarci. Arrendersi, appunto. Ma prima o poi la consapevolezza arriva: e allora vorremmo poter tornare indietro, vorremmo tentare ancora, allontanare l'idea della resa.